Come fare i capelli ricci con il Curly Girl Method

Pubblicato in: Tutorial
0 commenti - Lascia un commento

Valorizzare i capelli ricci non è semplice, anzi quasi sempre è fonte di stress e perdere la pazienza è davvero facile, così ricorrere alla piastra sembra la soluzione più semplice. Ma pensate un poco a tutte le ore spese bruciando la vostra chioma, per poi avere un risultato insoddisfacente, crespo o gonfio? Per non parlare poi di quanto sia complicato eseguire una piega nei giorni dove la calura estiva è intollerabile. 

Noi di OP Cosmetics abbiamo però una soluzione anche per tutte quelle chiome ricce che non vedono l’ora di sbocciare nuovamente e risplendere, libere dal calore e dalle doppie punte. Con la bella stagione in arrivo sembra il momento più opportuno, abbiamo studiato attentamente ogni passaggio e siamo pronti a svelarvi tutti i segreti del CGM. Curiose? Scopriamo insieme di cosa si tratta!

come fare capelli ricci curly girl method

Cos’è il Curly Girl Method

Il CGM è un metodo pensato appositamente per chiome ricce, infatti Curly Girl Method sta per “metodo per la ragazza riccia“. Capelli crespi, boccoli indisciplinati, radice piatta sono solo alcune delle problematiche che in molte devono fronteggiare dopo avere passato il phon e questa soluzione proveniente dagli States sembra proprio funzionare. Un po’ come il no poo, di cui vi avevamo già parlato nell’articolo che svela i segreti delle star, anche il CGM sconsiglia l’impiego dello shampoo, proponendo al suo posto il co-lavaggio. Il lavaggio condizionatore consiste nell’applicare il conditioner/balsamo per detergere la chioma. Il metodo americano consente di ottenere dei ricci perfetti nel pieno rispetto dei capelli, infatti funziona solo escludendo prodotti, sostanze e in genere formulati aggressivi; pensate che non vanno usati nemmeno spazzole e pettini! Forse non ci credere ancora ma è così: in modo delicato e naturale è possibile sfoggiare degli splendidi capelli ricci e il Curly Girl Method può dimostrarlo.

ricci naturali perfetti instagram

La storia del Curly Girl Method

Esiste un manuale scritto dalla hairstylist Lorraine Massey intitolato “Curly Girl: The Handbook” pubblicato nel 2001, quando sia in America che in Inghilterra la stiratura chimica andava molto di moda e spesso con risultati pessimi. Così la battaglia di Lorraine inizia dalla voglia di valorizzare la bellezza naturale, accettandosi per ciò che si è, andando anche contro i modelli divulgati dai media e dalla società che spesso si dimentica che ognuno di noi è speciale e che ciò che conta è prendersi cura di se stessi e imparare a mettere in mostra le qualità che ciascuno possiede, riccio ribelle compreso.

Oggi a distanza di anni è davvero un tormentone del web: ha riscosso così tanto successo che è impossibile non essere curiosi in merito a questo metodo o non rimanere sbalorditi dai risultati. Sfogliate la nostra gallery per avere maggiore consapevolezza.

Applicare il metodo CGM sui propri capelli

Inizialmente potrebbe sembrare complicato, ma per applicare il metodo CGM in realtà basta mettere in pratica piccoli accorgimenti. La vostra chioma rinascerà e rivaluterete sicuramente i ricci: possiamo assicurarvelo!

C’è una regola importantissima da seguire però e riguarda ciò che applicate sui vostri capelli. Tutti i prodotti che faranno parte della vostra nuova routine devono essere senza solfati, parabeni o siliconi, tutti ingredienti che appesantiscono la chioma pregiudicando il risultato. Altrimenti il metodo non può agire correttamente. Sarebbe come fare una torta con gli ingredienti andati a male!
Tutto chiaro? Bene, procediamo.

Step 1: il lavaggio 

Il primo passo è proprio il “NO POO” (pannolini e bebè non c’entrano, come abbiamo già spiegato poco più su)  o “CO WASH”, per cui dovrete sostituire il vostro shampoo con un normale balsamo per capelli, in gergo tecnico “conditioner”. Applicatelo sui capelli umidi e massaggiate la vostra cute delicatamente  e con cura per qualche minuto. Ora vi starete chiedendo, urlando magari, “ma senza schiuma i capelli non sono puliti!”: certo non sarà facile mettere via il vostro shampoo siliconico, sponsorizzato in tv dalla vostra attrice preferita che molto probabilmente non lo userà mai su se stessa, ma dal metodo e dagli studi condotti sembrerebbe proprio che l’utilizzo di un cowash renderebbe la vostra chioma morbida e nutrita e donerebbe grandi benefici. Inoltre, provare non costa nulla, buttatevi! Se poi proprio siete testarde utilizzate uno shampoo delicato e rigorosamente con ingredienti naturali. 

Step 2: idratazione e nutrizione

Dopo avere lavato la chioma con il balsamo, il secondo step consiste nell’idratazione profonda con un altro conditioner per districare i vostri capelli. Potrete aiutarvi semplicemente con l’uso delle vostre manine  o con un pettine a denti larghi (senza strappare i capelli). Dovrete rimuovere tutti i nodi pettinando dalle punte e risalendo alla radice. Se ritenete di avere i capelli molto spessi e corposi, lasciate agire il conditioner anche per 15 minuti prima di risciacquare abbondantemente.

Step 3: lo styling

Utilizzare un panno in microfibra o una maglietta di cotone ridurrà l’effetto freeze che tanto odiamo, inoltre non assorbirà tanta acqua come la spugna di un normale asciugamano (ricordiamo sempre che l’acqua è l’elemento più importante per i nostri capelli perché ci permette di mantenere il corretto equilibrio di idratazione, quindi non bisogna eliminarla tutta). Procededete con l’utilizzo di una buona crema per ricci o una mousse ed applicate un gel per dare il tocco finale. Il movimento più indicato è quello definito scrunch, che consiste nel mettersi a testa in giù, con le mani sporche di prodotto raccogliere i riccioli, strizzare delicatamente fino alla nuca, sollevando le radici.
Dopo aver texturizzato i vostri capelli, potete lasciarli asciugare liberamente al vento o utilizzare un buon diffusore a temperatura media.

Un segreto per ricci naturali perfetti

Utilizzare prodotti naturali per avere risultati migliori ed ottimizzare i tempi. Fare una volta a settimana degli impacchi da tenere per poche ore o anche una notte intera, aiuta notevolmente ad avere risultati più rapidi.

  • Gel d’aloe
    Un alleato straordinario per idratare, ideale per la seconda fase del CGM; abbiamo parlato delle proprietà dell’aloe sui capelli, per cui se volete approfondire date un’occhiata al nostro articolo
  • Oli vegetali, burro di karitè o olio d’argan
    Tutti e tre perfetti per la fase della nutrizione, in particolare l’ultimo (se siete curiose, abbiamo parlato anche dei benefici dell’argan sui capelli)
  • Olio di ricino
    Un must per stimolare la crescita dei capelli e l’inversione capillare
  • Proteine del grano e della soia o uova
    Vale la pena ricorrere a questo prezioso ingrediente almeno una volta al mese per rinforzare la struttura dei vostri ricci

I migliori prodotti per il CGM

La nostra gamma non è tutta adatta al curly girl method, ma alcuni prodotti per capelli sono perfetti per metterlo in atto. Puoi consultare le schede di ciascuno per conoscere gli ingredienti e il metodo d’uso. Dai conditioner i prodotti per lo styling, passando per gli oli nutrienti, avete a disposizione diverse soluzioni per attuare il CGM a casa.

Pronte per applicare il tutorial a casa?

Dopo avere svelato tutti i passi per eseguire correttamente il CGM, speriamo di avervi incuriosito e non vediamo l’ora di osservare i vostri risultati! Potrete anche mandarci le vostre foto taggandoci su Instagram. Per info e suggerimenti siamo sempre a vostra disposizione, sostenitori della bellezza in ogni sua sfumatura, pronti a valorizzare ognuno di voi. 

P.S. Potrete modificare sempre la vostra hair care routine con i prodotti che più gradite, anche perché solo sperimentando e provando combinazioni diverse potrete scoprire cosa realmente piace ai vostri ricci e finalmente imparare ad amarli. Vogliamo anche consigliarvi di non mollare dopo i primi giorni ma di perseverare. L’abbandono di prodotto siliconici o di piastre non è mai facile e i vostri capelli dovranno essere disintossicati dalle sostanze nocive; avranno bisogno di cure, tempo e pazienza.  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *